venerdì 16 settembre 2016

Segnalazione "AAA Umani cercasi" di Luca Mencarelli

Dopo la pausa estiva ritornano le pubblicazioni della casa editrice Wizards & Blackholes dedicate a fantasy e fantascienza. 

AAA Umani Cercasi

Trama

In un futuro desolato, in cui i robot sono rimasti custodi delle città terrestri dopo che un morbo letale ha falcidiato l’intera umanità, l’ultimo uomo rimasto parte alla ricerca dell’unica cosa che gli automi non possono fornirgli: un po’ di compagnia. Un viaggio per capire che ciò che si desidera a volte è più vicino di quanto si possa immaginare.


Scheda
Titolo: AAA Umani Cercasi
Autore: Luca Mencarelli

Introduzione: Piergiorgio Zucconi
Lato B: Mendoza di Fabrizio Monari
ISBN: 978-88-99147-56-3
Formato: epub, mobi e pdf
Prezzo: 1,99€ (0,99€ fino al 16 settembre 2017)
Lunghezza a stampa: 106 pagine
Genere: Fantascienza
Pagina ufficiale: 
http://www.wizardsandblackholes.it/?q=aaaumanicercasi

Oltre al romanzo, "A.A.A. umani cercasi" , 
l'ebook contiene anche un racconto di Fabrizio Monari: "Mendoza"

mercoledì 14 settembre 2016

Presentazione "Il risveglio della cacciatrice" di Alessio Filisdeo

In uscita il 15 settembre

L'ultimo libro di Alessio Filisdeo è un mix di Urban Fantasy, Thriller e racconto umoristico 


"Ho imparato tre cose sul suo conto: si chiama Amanda, è una cacciatrice e paga sempre in contanti.
La prima è inutile, forse addirittura falsa; la seconda serve a mantenermi in vita, con la guardia alzata; la terza è l’unica che importa davvero."

Titolo: “Il Risveglio della Cacciatrice”
Autore: Alessio Filisdeo
Editore: Nativi Digitali Edizioni
Sito web editore: www.natividigitaliedizioni.it
Data di uscita: 15 settembre 2016
Genere: Urban Fantasy, Thriller, Umoristico
Collana: “Fantasy”
Prezzo: Ebook 3.99€, cartaceo 12€
Formato: ebook (epub, mobi, pdf) e cartaceo su Amazon
Lunghezza: 230 pagine (circa)



Sinossi:

Amanda Prince è una ragazza come tante: 24 anni, qualche tatuaggio e una vita frenetica. Adora cambiare colore ai capelli e le riesce piuttosto bene impalare vampiri per conto dell'Ordine Templare. Ma c'è dell'altro: Amanda Prince nasconde molti segreti, alcuni più letali di altri. Ora l'attende una nuova missione: andare a San Francisco, intercettare uno strano tizio di nome Nik e convincerlo con un paio di lame affilate che l'immortalità non fa proprio per lui. Insomma, un compitino all'apparenza facile facile che si trasformerà ben presto in un immane casino di proporzioni catastrofiche.
Dopo l'adrenalinico "Una notte di ordinaria follia" e lo stravagante "Le follie del vampiro Nik", Alessio Filisdeo si spinge oltre con la sua saga Urban Fantasy: un cocktail di sparatorie, bizzarri non morti, tradimenti, antiche superstizioni e un feroce nosferatu di nome... Tony?!
Questo e molto altro ancora ne "Il risveglio della cacciatrice".

L'autore

Alessio Filisdeo: Nato ad Ischia nel 1989, Alessio Filisdeo vive a Barano d’Ischia.
Comincia a scrivere racconti fantasy, e a tema supereroistico, a sedici anni finché, una bella notte, non si trova ad assistere per caso alla proiezione del film culto Intervista col Vampiro. Sboccia immediatamente l’amore per la figura del vampiro aristocratico, per il genere gotico e per i grandi classici ottocenteschi. Il passo da fan del genere a fanatico cultore è più breve del previsto.
Conclude il suo primo romanzo storico a tinte sovrannaturali all’età di diciannove anni. C’è un solo problema: ormai i “vampiri di una volta” di cui ha scritto sono passati di moda.
Ma Alessio Filisdeo non demorde: destreggiandosi tra la passione per la scrittura e alcuni lavoretti part-time (confermando quindi lo stereotipo dello scrittore perennemente squattrinato con tante belle speranze), e spaziando momentaneamente tra più generi e personaggi, aspetta pazientemente il ritorno alla ribalta della creatura dannata in tutto il suo maledetto splendore.
Con Nativi Digitali Edizioni ha pubblicato il romanzo breve “Una Notte di Ordinaria Follia”, il racconto gratuito “Le follie del Vampiro Nik” e il romanzo “Il Risveglio della Cacciatrice”.



lunedì 5 settembre 2016

Blogtour e Giveaway di "Into the Sun" il romance di Annabelle Lee



Comincia oggi il Blogtour-Giveaway del Romance Contemporaneo “Into The Sun” di Annabelle Lee.
Tanti contenuti originali in anteprima e tre copie dell'ebook in palio!

In questa prima tappa potrete leggere un estratto del romanzo e cominciare a farvi un'idea della storia. L'autrice ha uno stile vivace e ironico che fa presagire una lettura molto piacevole.

Dati e sinossi:

Titolo: “Into The Sun”
Autrice: Annabelle Lee
Editore: autopubblicato
Data di uscita: 24 giugno 2016
Genere: Romanzo Contemporaneo, Romance, New Adult
Prezzo: 4.99€, in offerta di lancio a 2.99€
Formato: ebook (in vendita sulle maggiori librerie online)
Lunghezza: 250 pagine (circa)
Pagina Facebook:
https://www.facebook.com/Jade-dAngelo-1673206486292451/
Pagina Instagram:
https://www.instagram.com/jadedangelo/
Pagina Twitter:
https://twitter.com/jadedangelo
Ebook su Amazon: 
bit.ly/intothesunbook


La trama in breve:

Questo non è il solito romance. E questa non è la solita storia.
Rimanere a Los Angeles altri sei mesi per consolidare il lavoro iniziato non era certo un problema per Jade d’Angelo. Considerando che in Italia non c’era nessuno ad attenderla, Los Angeles le andava bene come qualsiasi altra metropoli del mondo. Anzi, anche meglio: clima favoloso, gente rilassata (anche se pur sempre competitiva, come tutti gli americani in carriera), la vicinanza dell’oceano...
Tutto girava al meglio per la bella Jade, e allora perché non sfidare la sorte, accettando un drink dal tenebroso sconosciuto che gira armato e decide al posto suo?
Ambientazioni favolose, feste stupende, regali impensabili, l’uomo perfetto... Già, il cliché assoluto. Ma, pur avendo la certezza del finale impossibile, chi resisterebbe ai propri sogni? E Sebastian Godwin non è di certo uno a cui si può dire di no, anche se si ha il presagio del pericolo, anche se tutti gli indizi portano in un unica direzione...
La felicità, sì, a quale prezzo? 
Il calendario:





Il Giveaway

Non dimenticate che questo favoloso Giveaway  mette in palio ben tre copie del romanzo, perciò affrettatevi a partecipare cliccando su:
a Rafflecopter giveaway 




Il Contenuto Speciale di oggi:

Estratto INTO THE SUN
Capitolo I. La Piscina


Il sorriso si trasforma in un ghigno ma, per quanto antipatico mi risulti, non riesco non apprezzare i tratti del suo volto espressivo.
  “Ho già visto una donna nuda,” dice con voce bassa e sensuale, un po' troppo sensuale.
  “A occhio e croce direi che il numero non è esatto,” ribatto sarcastica.
  “Ho già visto te nuda,” rettifica lui, analizzando il mio corpo con nonchalance. Ehi, ma non eravamo nella fase "occhi negli occhi"? E siamo passati al tu, ora? Gli faccio di nuovo segno di girarsi.
  “Non sembri una ragazza timida,” osserva lui girandosi. “E dammi del tu,” aggiunge, tamburellando con le dita sul schienale di un sofà.
  Mi infilo l'abito più veloce di un Marine (non che i Marines debbano mettersi degli abiti) e  infilo il telo umido nel borsone, mentre con un occhio continuo a controllare il mio interlocutore. Posso distinguere i suoi muscoli sotto la camicia leggera e vedo chiaramente anche la pistola.
  “Fatto, grazie. Un vero gentleman, non avevo dubbi,” mormoro, ironica. Si limita a guardarmi col sopracciglio alzato, riprendendo la mia borsa. Forse dovrei starmene zitta e chiudere questa faccenda quanto prima e senza danni.


  Ci incamminiamo verso il cancello e io mi guardo di nuovo intorno. La mia voce risuona prima che possa fermarla (e meno male che avevo deciso di star zitta):
  “Questo posto è bellissimo! Così pieno di luce e pacifico, così diverso da... te.” Finisco la frase mordendomi la lingua.
  “Hai ragione.” La sua voce suona malinconica, sorprendendomi un po'. Mi dà ragione, ho sentito bene? Non aggiunge altro e decido di ritirare l'offensiva:
  “Ti chiedo di nuovo scusa e dico davvero. Come vedi, il cancello è aperto. Non immaginavo ci fosse un'altra proprietà, ma forse avrei dovuto...” Alzo le spalle impotente, davanti al grande cancello aperto.
  “Non so nemmeno il tuo nome!” realizzo poi, sorpresa.
  “Non me lo hai chiesto,” mi sorride lui. Che esasperazione.
  “Dovevo farlo?” borbotto fra i denti.
  “Non necessariamente.” Sembra avere tutto il tempo del mondo, standosene qui davanti a me e guardandomi come se fossi una bambina. Lo odio. No, invece mi piace.


I’m goin’ to take my time
I have all the time in the world
To make you mine


         “Chi sei?” domando piano, scegliendo il melodramma.
  “Questa è una domanda interessante,” osserva lui, enigmatico.
  “Vero? Sempre meglio di Qual è il tuo nome?. Ma tu non risponderai, immagino.”
  “Il mio nome è Sebastian,” glissa lui.
  Sebastian, che nome insolito. Che uomo insolito.
  “Bellissimo nome...” La mia bocca parla senza di me, la Jade senza freni che ho dentro dovrà essere messa a tacere uno di questi giorni. Spero senza dovergli sparare.
  “Anche il tuo è un bel nome, degno dei tuoi occhi,” mi sorprende lui sussurrando le parole e guardando dritto nei miei occhi. Aiuto, com'è che siamo di nuovo così vicino? Posso sentire il suo profumo, posso sentire lui. Il cuore mi batte scioccamente più del dovuto e ciò che mi innervosisce di più è che anche lui può sentirlo.
  “Vorrei bere qualcosa insieme a te stasera qui, a casa mia” mi intima lui, il suo viso vicinissimo al mio. La frase mi suona come uscita da un pessimo film romantico.
  Che cosa?!
  “Non è una domanda” osservo intelligentemente.
  “No, non lo è” mi assicura con pazienza.
  “Posso rifiutare?”
  Le domande cretine si susseguono, sto dando il meglio di me! Tuttavia, controllo attentamente le sue reazioni alla ricerca di un punto debole, ma il suo viso è impenetrabile.
  “No che non puoi.” Un bagliore di malizia gli attraversa gli occhi.




Questo primo estratto è molto intrigante, non è vero?

Se vi è piaciuto, lasciate un commento!  





sabato 13 agosto 2016

Intervista all'autrice Aurora Stella

Aurora Stella è una scrittrice prolifica quanto eclettica. Fra i suoi romanzi ricordiamo "Furens lupus sum, Tiger indomabilis, Tra le mie ali, Due cuori a zonzo (per tacer dei gatti) ecc:
Le sue opere spaziano dall'horror al fantasy e ultimamente è approdata al genere umoristico.
Questa breve intervista servirà a conoscerla meglio.


Ciao Aurora, e grazie per aver accettato di rispondere a qualche domanda. Quant'è importante la scrittura nella tua vita?


Ciao Liliana, grazie a te per avermi ospitato sul tuo blog. Scrivo fin da bambina perché sin dalla più tenera età sono sempre stata un'appassionata lettrice. Amo sognare a occhi aperti, creare e distruggere mondi interi. Questa capacità di “fantasticare” l'ho ereditata da mio padre, che mi ha insegnato il valore della lettura. Iniziata come conseguenza del leggere, la scrittura , nel corso degli anni, ha preso sempre più posto nel mio cuore. Oggi non posso più vivere senza scrivere. Fosse pure un biglietto di auguri.


Quando hai cominciato a scrivere?
Come ho già spiegato ho iniziato alle elementari a scrivere cominciando con i classici pensierini per poi cimentarmi nei temi. Ricordo che la maestra prima e i professori poi, leggevano sempre i miei temi in classe. Soprattutto quelli ironici. Amo la fantascienza, ma non disdegno la satira.


Com'è nata l'idea di Tra le mie ali?
Ho sempre avuto una passione per gli studi biblici e la filosofia e questo libro è nato come risposta a una scommessa. Ho iniziato la mia avventura di scrittrice con racconti “horror” (In realtà molto più vicini allo stile “ ai confini della realtà”) e molti amici mi hanno rimproverato per questa mia scelta. E così ho accettato la sfida di scrivere un racconto più “normale” che avesse un lieto fine. Ho scelto il tema degli angeli custodi perchè su di loro ho sempre nutrito molte perplessità. Mi sono sempre posta domande tipo: un angelo custode ti osserva anche mentre sei al bagno?


Come ti organizzi quando scrivi? Segui una scaletta o scrivi di getto?
Normalmente scrivo di getto. E spesso e volentieri non parto mai dall'inizio. Mi spiego meglio: scrivo quello che mi piace.Per la mia duologia (Furens lupus sum e Tiger Indomabilis) l'idea centrale era Roma. Volevo che il lettore si immergesse in una Roma dell'anno 2014 ( 2767 b urbe condita) . La storia è nata dopo. In realtà, una delle prime cose che ho scritto è stata la violenza che la protagonista subisce. Volevo che la storia d'amore fosse diversa dal solito. Volevo che fosse travagliata e tragica... e ogni volta che mi veniva un'idea scrivevo un capitolo. Ho fatto un puzzle costruendo un po' qua un po' la e poi attaccando tutto insieme.


Cosa provi quando finisci una storia?
Da un lato un senso di liberazione. Dall'altro tristezza perché mentre scrivo mi affeziono ai protagonisti, ai luoghi e alle situazioni. Questo per quel che riguarda il lato “ bello “ della scrittura. Il rovescio della medaglia consiste nel farmi prendere un mal di pancia quando devo iniziare la fase di revisione..


Parlaci dei tuoi progetti
Ho pubblicato un racconto “comico” che si intitola “Due cuori a zonzo per non parlar dei gatti”, parafrasando il titoli dei celebri capolavori di Jerome K Jerome Mi piace passare di palo in frasca, da un genere ad un altro. Poi tornerò ai mie vecchi amori con un fantasy -horror-fantascientifico del quale ho scritto oltre metà libro ma di cui ignoro ancora il titolo.
Un caro saluto a tutti e un grazie a te cara Liliana


Ed ecco un estratto dal romanzo "Tra le mie ali"

<<Tesorino, ti sarai resa conto anche tu che hai bisogno di modificare il tuo look da donna delle caverne, vero?>> disse Eugenio con tono benevolo rivolto a Speranza, un giorno che riuscì a parlarle senza che ci fosse Liam.
<<Che cos’ha il mio look che non va?>> rispose con tono ilare la ragazza
<<Mio Dio, non vorrai certo girare in mutande come fai con noi con quel pezzo di Marcantonio che sta in casa!>> esplose scandalizzato il ragazzo.
Speranza lo guardò con tenerezza e non poté nascondere un sorriso <<Ti sembro il tipo che gira in mutande davanti ad uno che conosce da pochi giorni?>>
<<Lo so cara! Con la tua educazione da suora non lo faresti mai, anche se con noi lo fai tranquillamente. Quello che mi preoccupa, vedi…>> disse fissandola dritto negli occhi
“Ahia, adesso attacca” pensò la ragazza
<<…Quello che mi preoccupa non è il fatto che tu vada comoda in giro per casa, ma il tipo di orrida lingerie che indossi!>>
Walter scoppiò a ridere mentre Speranza lo fulminò con lo sguardo.
<<Come pensi di conquistare un uomo se ti ostini ad indossare mutande girocollo con la canottiera della salute e soprattutto depilandoti solo d’estate? Ma ti rendi conto dello spettacolo obbrobrioso che offri di te stessa?>>
Imbarazzata la ragazza rispose <<Ma io non voglio conquistare nessuno! Lo sapete, con voi mi trovo a mio agio perché non mi giudicate e non vi importa un accidente se mi capita di girare in deshabillé per casa, ma non ho nessuna intenzione di girare in mutande adesso davanti a un uomo che a malapena conosco>>
<<Sapevo che lo avresti detto e già immagino quale sarà la prossima mossa per assicurati che anche lui possa prendere il largo lontano dalla tua vita>> e per dare efficacia al suo discorso tirò fuori dalla sporta un minuscolo pacchettino <<Così mi sono permesso di darti un suggerimento... e anche una cosa pratica!>> continuò mentre passava il pacchetto alla ragazza. Dalla sporta della spesa sfilò anche una confezione regalo di un rasoio da uomo.
<<Mi devo fare la barba?>> disse in tono canzonatorio Speranza mentre Walter si ostinava a rimanere zitto malcelando un sorriso tra il divertito e l’imbarazzato <<Walter, comunque tu dovresti aiutarmi! Se continui a ridere otterrai l’effetto contrario. Lo sai che lei è fatta a rovescio, no?>> aggiunse incenerendo il suo compagno <<Ti conosco meglio di te!>> proseguì rivolto alla ragazza <<Di far la ceretta non se ne parla, neanche se a pagarla fossi io dal migliore estetista dell’universo!>>
<<Certo fa un male boia. Non voglio soffrire per quattro peli...>> disse lei, ma Eugenio la interruppe, rimproverandola con sarcasmo <<Che sono poi una jungla equatoriale e temo di dover avvisare la forestale per avere l’autorizzazione al diboscamento. Comunque sei intollerante anche alle creme depilatorie>>
<<Puzzano e poi dovrei girare in mutande, le mie orribili mutande ascellari, per almeno mezz’ora>> annuì lei
<<Sì, appunto uno spettacolo pietoso, quindi ho optato per questo mezzo da cavernicoli. Mi sono premurato anche di fornirti i ricambi per le lamette…>>
<<La schiuma da barba me l’hai comperata?>> rise divertita.
<<Insomma ti decidi ad aprire ‘sto pacchetto?>> strillacchiò indispettito
<<Va bene, va bene!>> aggiunse Speranza mentre si affrettava a scartare il regalo, solo per mostrare una faccia sconvolta non appena si ritrovò tra le mani il piccolo oggetto.
<<Ma è un perizoma! Sembra un filo interdentale, è terribile!>>
A quel punto, mentre Walter si sganasciava dalle risate, Eugenio divenne viola <<Terribile o no, adesso tu te ne vai in bagno, ti fai una doccia, ti deforesti e indossi quel perizoma e torni qui, anzi nella sala da pranzo e ci fai vedere come ti sta. Ho sudato sette camicie per trovare qualcosa che valorizzasse il tuo fisico da nuotatrice, sai? E sopra cerca di indossare un reggiseno dello stesso colore se ti riesce>>
<<Ma sei impazzito? Secondo te mi metto a fare una sfilata in perizoma? Ma che ti dice il cervello? E poi se sbuca fuori Liam all’improvviso?>>
Eugenio incrociò le braccia e iniziò a battere il piede a terra, segno inequivocabile che stava perdendo la pazienza
<<Primo, lui non c’è! Ha detto che aveva da fare con l’università e che sarebbe tornato fra un paio d’ore. Secondo, non è la prima volta che ti vediamo sfilare in capi d’abbigliamento molto più penosi o in costume da bagno. Che differenza passa tra un paio di mutande…>>
<<Perizoma>> sottolineò Speranza
<<Va bene perizoma e un costume? Vai, aria, sparisci e torna quando sarai pronta o ti giuro entro io in bagno e ti faccio una ceretta al volo…>>
<<Ok! Ok!>> si rassegnò la ragazza.
Non poteva vincere contro Eugenio, lo sapeva. Perciò si arrese e si ritirò a fare la doccia.
<<Ci sei cascata dentro?>> strillò dopo un’ora dalla sala da pranzo Walter <<Vorremmo che la cosa finisse entro l’anno!>>
<<Arrivo! Arrivo! Pensate sia facile indossare questo attrezzo infernale? Mi sta affettando!>>
<<Cara! La parte davanti è quella con il triangolo più grande!>> gridò Eugenio.
<<Siete pronti?>> urlò da dietro la porta della sala <<E adesso sfilerà, solo per voi, Speranza che indossa “scavalco”>> ed entrò nella stanza coperta dall’accappatoio che lasciò cadere per terra davanti alle loro facce sbigottite
<<La linea intima calda, affascinante e sensuale creata apposta, come suggerisce il nome, per scavalcare cancelli, rubare galline ecc in tutta comodità!>> e per dar enfasi al suo discorso, afferrò le mutande di cotone che indossava e fece sentire il rumore dell’elastico sul suo corpo
<<Su gamba perfettamente depilata>> e, per mostrare l’avvenuta depilazione, sollevò con grazia la gamba e la posò con delicatezza sullo schienale della sedia accarezzando la pelle liscia con la mano sinistra, mentre con la destra faceva roteare il perizoma
<<Avrei potuto stupirvi con effetti speciali indossando la linea “interdentale” ma per oggi niente da fare. Bisogna accontentarsi di “scavalco” e degli splendidi micetti stampati sulle mie mutande in puro cotone>> e gettò il perizoma alle sue spalle. Guardò poi con aria di sfida i suoi due amici aspettandosi un assalto frontale che, stranamente, tardava a venire. Eugenio si era addirittura portato le mani davanti alla bocca e aveva sgranato gli occhi, “mamma mia sono così orribile?” pensò Speranza.
<<I gattini sul davanti hanno pose diverse da quelli sul di dietro?>> esclamò Liam alle sue spalle.
Con un balzo rapido come un felino, mentre ogni parte del suo corpo arrossiva per l’imbarazzo, scattò sulla sedia rannicchiandosi dietro al sedile tentando di rimanere nascosta.
Il ragazzo entrò tranquillamente nella stanza sotto lo sguardo tra l’interdetto e l’ilare degli altri due
<<Si può vedere anche la sfilata “interdentale”?>> proseguì con calma, mentre poggiava sul tavolo davanti a Speranza il perizoma che la ragazza aveva lanciato poco prima e si andò ad accomodare sul divano ponendo la caviglia destra, sul ginocchio sinistro, allargando le braccia sullo schienale del divano, in attesa. Tiberio, si accostò pigramente al ragazzo mentre Tiberina rimase prudentemente a terra. A quel punto la risata di Walter fu irrefrenabile seguita dagli strilletti isterici di Eugenio che non sapeva se piangere o ridere. La risata di Walter fece salire il sangue alla testa di Speranza che, incurante di essere ancora in mutande e canottiera, uscì dal suo rifugio improvvisato. Una parte di lei sussurrava “tanto peggio di così…” l’altra reclamava vendetta
<<Così era fuori all’università eh? Cos’è vi siete accordati tutti per sfottermi meglio? Faccio tanto ridere?>> il suo viso era viola mentre si dirigeva verso la coppia, minacciandoli con il pugno.
<<Loro sono innocenti>> interruppe Liam <<Non si sono nemmeno accorti che fossi rientrato. Erano talmente presi in una loro discussione che non li ho interrotti e sono andato diretto nella mia stanza. Ho pensato di affacciarmi non appena ho sentito la tua voce, volevo venire a salutarvi tutti insieme e così mi sono imbattuto nel tuo défilé. Ripeto, modello interessante, sicuramente pratico ma non credo che ti renda giustizia. Sicuramente la collezione “interdentale” ti valorizzerebbe di più>> e si mosse per uscire dalla stanza <<E comunque non stavamo ridendo di te, stavamo ridendo CON te!>> disse avvicinando il viso alla ragazza che avvampò all’istante <<Io non riderei mai di te!>> e uscì lasciandoli come tre statue di cera.

Se questo libro vi interessa potete trovarlo cliccando  su Amazon


Altre opere dell'autrice: 
Onirica 
E vissero? Fiabe horror e dintorni
Furens Lupus Sum, Tiger indomabilis.

martedì 9 agosto 2016

Settimana di saldi per le guide di viaggio Nativi Digitali Edizioni




È agosto: tempo di viaggi!
Che siate in qualche località esotica, nella spiaggia più vicina a casa oppure spaparanzati sul divano, non fa davvero differenza: potete partire per un nuovo viaggio da subito… con un libro! E se è un ebook, non dovete neanche cercare una libreria!

Se, come me, provate una grande ammirazione per le culture dell'estremo oriente ecco quello che fa per voi:




Un Gaijin in Giappone

C'erano un italiano, un giapponese e un belga. Non è una barzelletta, ma un viaggio, uno di quelli che vale la pena di raccontare… un viaggio tra miti e contraddizioni del Giappone di oggi.
Formato: Ebook (epub, pdf, mobi)
Autore: Marco Frullanti
Lunghezza: 110 pagine (circa)
Prezzo: €1,50

Descrizione
Da Holly e Benji a Dragon Ball, passando per i Pokemon e Final Fantasy, generazioni di bambini italiani sono cresciuti con un’idea mitizzata del Giappone, filtrata da manga, animazione e videogiochi.
Frullo era uno di questi bambini. Così, con la scusa di andare a trovare i suoi amici giapponesi Tonic e Taka, nell’estate del 2013 parte insieme al belga Benjamin (sembra una barzelletta) per due settimane di viaggio tra Osaka e Kumamoto, con la missione di scoprire di più su quel bizzarro arcipelago che tanto lo ha affascinato e sui suoi stravaganti abitanti.
Da questa esperienza nasce “Un Gaijin in Giappone”, a metà strada tra un diario di viaggio e un racconto ironico, con l’obiettivo di trarre un bilancio da quel viaggio tra templi buddisti, sale giochi, onsen, karaoke e ramen, e di rispondere alle domande che assillavano il nostro eroe: che diavolo è il Giappone contemporaneo, alla fine, e chi diavolo sono i giapponesi di oggi?

Queste invece sono le altre offerte:



  • Ami l’avventura e l’Australia? Allora “Latinoaustraliana” di Marco Zangari fa per te!
  • Hai sempre sognato di fare il Giro del Mondo? Scopri “30annozero” di Marianna Sansone e Antonio Benforte!
  • Ti piacciono le feste e gli Erasmus? Parti per la Spagna con “Gli Zingari dello Studio” di Enzo Lauretta!





  • BUONE LETTURE E BUONE VACANZE A TUTTI!

    domenica 17 luglio 2016

    #Liebster Award 2016


    Ultimamente ho ricevuto ben due nomine ai Liebster Award 2016 perciò ringrazio sia Gianluca Malato  del sito omonimo, che Suitcase di libri, il blog di Alice De Checchi e Valentina Bellucci.

    Il Liebster Award è un premio virtuale dato ai blog piccoli ma di qualità, per farli conoscere a più persone.

    Regolamento

    Ringraziare chi ti ha premiato.
    Rispondere alle 11 domande.
    Scrivere a piacere 11 cose su di te.
    Nominare 11 blog con meno di 200 followers.
    Porre 11 domande per gli 11 blog nominati.
    Contattare gli 11 blog nominati.

    Ecco una sintesi delle domande rivoltemi da entrambi i blog :
    Perchè hai aperto un blog?
    Ho sempre amato la lettura e la scrittura, ho voluto creare un luogo in cui parlare di libri, incontrare nuovi autori e scambiarci le nostre esperienze.
    Parlaci della tua esperienza di blogger. Gioie e dolori.
    L'esperienza è certamente positiva. Mi piace entrare in contatto con tante persone che mi scrivono, vorrei avere più tempo da dedicare al blog, ma purtroppo ho tanti impegni e non riesco a seguirlo come vorrei. 
    Qual è l'ultimo libro che hai letto? Lo consiglieresti?
    Immortals di Eva Fairwald. Lo consiglio agli appassionati di storie fantasy perchè si tratta dell'opera di un'autrice self molto brava e preparata.
    Qual è il tuo genere preferito?
    Leggo un po' di tutto ad eccezione dell'horror. I generi che prediligo sono il fantasy, lo storico, il romance.
    Quali sono i tuoi autori preferiti?
    J.R. Ward, Frank Herbert, Sidney Sheldon, Lee Child.
    Ebook o cartaceo?
    Entrambi. Gli Ebook per il prezzo, i cartacei per la comodità.
    Copertina rigida o flessibile?
    Rigida.
    Quanto è importante la lettura nella tua vita?
    E'fondamentale e vi dedico tutto il tempo che riesco a trovare.
    Marmellata o crema?
    Marmellata rigorosamente fatta in casa
    Casa editrice preferita?
    Newton Compton.
    In quale epoca storica ti piacerebbe vivere?
    Alla fine dell'Ottocento perché è stata un'epoca di grandi scoperte e cambiamenti.

    Le stesse domande le giro ai blog che nominerò:
    La boutique dei libri.
    Il forziere dei libri
    La bottega dei libri incantati
    La bottega dei libri magici
    Sognatrice interrotta
    La spacciatrice di libri
    Vivere romance
      












    martedì 28 giugno 2016

    #Segnalazione Custodi Dark Paradise di Claudia Di Lillo

    Se amate le storie che hanno per protagonisti gli angeli, ecco l'inizio di una nuova saga Urban Fantasy che si preannuncia molto romantica e appassionante

     
     
    Se sei un angelo e infrangi le regole, se ami senza poterlo fare, se sovverti un ordine che dura da secoli, esiste punizione migliore che privarti di colui che ami e strappare dalla sua mente il tuo ricordo?
     
    Quando le portano via Nathaniel, tutto ciò che resta ad Adriel è un paradiso oscuro.

    Nate diventa umano e senza alcuna memoria del prima, si costruisce una vita divenendo un motociclista di successo. Adriel lo segue nei secoli e quando il tempo del suo oblio sta per scadere, assume le vesti di una giornalista per avvicinarsi a lui.

    Seppur privo di ricordi, Nate è pericolosamente attratto da lei e su una spiaggia spazzata dal vento la bacia. Non ha idea di cosa questo comporti: un fulmine sovrannaturale si scaglia su di loro pronto a divorare il loro amore. Scampati al pericolo i due sono costretti a dividersi. Mentre Nate si sforza di recuperare i ricordi del suo passato, Adriel è immersa nei suoi compiti di Custode dell’amore e segue Cristal e Nicole, ignara dell’importanza che i due avranno nella questione dell’Ordine cosmico. Quando Nathaniel ritorna alla sua natura, recuperando i suoi poteri, il peggio non è ancora passato. Uno dei Guardiani dell’Ordine invia Adriel nel passato per correggere il primo errore, proprio quando Nathaniel viene a conoscenza di un’allarmante verità: se Adriel riuscisse nel suo intento il loro amore dannato scomparirebbe dal tempo.

    TITOLO: Custodi Dark Paradise

    SERIE: Trilogia dei custodi

    AUTORE: Claudia Di Lillo

    GENERE: Urban Fantasy

    DATA PUBBLICAZIONE: 12.01.2016

    ISBNebook: 9788892542075

    PAGINE: 265

    PREZZO: 2,99

     

    CONTATTI



     

    LINK ACQUISTO